L’Energia

3.8
(27)

L’energia vive in tutti noi, sfrontata e superba, magnifica ed esaltante. L’energia non si crea e non si distrugge, vive nell’universo, fa tremare i corpi nel sesso. Non solamente essa vivifica la natura, ma immette anche gioia nei rapporti sociali e nell’amicizia.

Cosa dobbiamo dire dell’energia? Che è un progetto che si espande senza limiti, così i pianeti si muovono nell’universo secondo una legge entropica, di un “disordine saggio”, di una completezza assoluta. Gli alberi esplicano la loro funzione immettendo ossigeno e ripulendo l’aria dall’anidride carbonica, anche questa è una forma di energia che diventa amore e rispetto. Spero che prima o poi rispetteremo il creato, come qualcosa di inviolabile e dinamico, che vuole vivere.

Quando l’uomo stringe rapporti con i propri simili e gli animali, crea energia con l’altro. Amicizia è relazionarsi tramite l’energia, quell’energia che non si distruggerà mai.

Credo che anche dopo la morte, la nostra anima adempierà un compito più giusto e gratificante, si legherà ad altre anime nell’universo per aggiungere patos alla creazione. Sia la scienza che la religione ci narrano di qualcosa in completa espansione, di un’energia quasi mistica, che però ha radici solide nella fisica.

Ho notato che tutto è in movimento e dinamico. La mia vita e la vita degli altri. Tutto si compie dalla nascita e dalla morte, come un progetto misterioso e unico, imperscrutabile per alcuni. Forse la vita segue una legge di causa-effetto, svincolandoci dalla spiritualità, ma allora tutto assumerebbe una caratteristica solamente materiale che non gradisco.

La socialità è importante per l’uomo, fare del bene è una scelta decisiva per relazionarsi con l’ambiente e la società, gratificando noi stessi e gli altri. Ogni pianeta entra in contatto con un altro, attraverso una legge cosmica e primordiale: tutto è rapporto sincero e puro, senza artificio.

Da sempre il sole e la terra vivono in comunione. Lasciamo perdere tutte le teorie che si sono susseguite nei nostri tempi, ma essi vivono in una relazione armoniosa e perenne di amore. Solo rispettando la natura noi potremo conservare questa superba relazione universale. Solo rispettando i nostri simili, noi potremo definirci completi come esseri umani. L’umanità, scevra da qualsiasi falsità è il perno su cui si fonda ogni civiltà. Ricordiamoci gli Indiani d’America, che rispettano ogni forma vivente, ogni energia, intesa come spirito o anima. Ricordiamoci che ogni vita va rispettata nella sua completezza. Se ci nutriamo di carne, rispettiamo l’animale che mangiamo. Solo facendo fronte comune al male e al dolore, potremo vivere al meglio.

L’energia, come un deus ex machina, approfondisce ogni forma di amore, comparendo all’improvviso e ridestando sentimento ed emozione. L’energia vivrà sempre, senza morire e senza nascere. Tutto sarà un ciclo perenne che si ricompone.

Eloisa Ticozzi

Vota

Il risultato finale sarà dato dalla media dei voti moltiplicata per il loro numero

Risultato parziale 3.8 / 5. 27